Box doccia in cristallo

I box doccia in cristallo sono senza dubbio elementi di design nell’arredamento di un bagno.

Nella scelta del box doccia in cristallo è importante che sia di vetro temperato (o temprato); ciò vuol dire che il vetro è sottoposto ad un particolare trattamento termico che aumenta la resistenza ad urti, flessioni e shock termico. In caso di rottura il vetro di frantuma in piccolissimi pezzetti non taglienti, comportando così minor pericolo rispetto a quanto accadrebbe con vetro non trattato.

Box doccia in cristallo: spessore del cristallo

Il prezzo di un box doccia in cristallo varia soprattutto in base allo spessore del vetro. In commercio esistono principalmente questi tipi di spessore del vetro:

  • cristallo 3 millimetri
  • cristallo 4 millimetri
  • cristallo 6 millimetri
  • cristallo 8 millimetri

Cristallo trasparente o opaco?

Un’altro fattore da valutare nella scelta del box doccia in cristallo è il tipo di vetro. Il vetro può essere:

  • trasparente
  • a buccia d’arancia (opaco)
  • puntinato (opaco)
  • cincillà (opaco)
  • satinato (opaco)

Il vetro trasparente ha dalla sua il fatto di essere più bello esteticamente e viene utilizzato soprattutto se il rivestimento del vano doccia è fatto con mosaici o rivestimenti di design, ma come contro ha il fatto che richiede maggiore cura nella pulizia. Mentre sul vetro opaco si nota meno lo sporco.

Di solito i vetri opachi sono ruvidi all’esterno e lisci all’interno per consentire una migliore pulizia e far scorrere l’acqua sulla parte interna.

Il calcare…e l’anticalcare

Il peggior nemico del vostro box doccia in cristallo è il calcare!
Esistono in commercio dei prodotti anticalcare che se applicati formano sul vetro uno strato invisibile di protezione che dura circa 15/20 giorni.
Si tratta di prodotti polimerici trasparenti che proteggono, esaltano e mantiengono pulite le superfici in vetro, porcellana, ceramica e molti altri materiali.

 

I commenti sono chiusi.